KIDOTI NURSERY, UN NUOVO INIZIO PER I BAMBINI DI ZANZIBAR

“Cuori in Viaggio – APS” nasce inizialmente dalla passione di tutti i soci per l’Africa, ma la cosa che ci accomuna davvero è la grande passione per i bambini di Zanzibar… In particolare però tutti siamo stati colpiti da questo piccolo e magico luogo, il villaggio di Kidoti, che si trova a Nord dell’isola di Zanzibar, Tanzania.

Quasi tutti noi siamo stati qui parecchie volte, per svariati motivi, e da anni ci siamo sempre interessati a loro, alla loro salute e a contribuire al mantenimento della struttura e dei loro studi. Ultimamente però l’asilo è per vari motivi in grave peggioramento e non ha più una Onlus di riferimento che li aiuti. Abbiamo quindi pensato di fondare noi stessi un’Associazione no profit, per tentare di risolvere tutti i problemi che colpiscono questo asilo a noi caro, che attualmente ospita 97 bambini circa e 10 maestre. È stato il Comitato Islamico e lo Shea in persona a chiederci di intervenire per aiutarli, data la forte amicizia che ci lega da molti anni.

Per noi è stato un onore ricevere un atto di fiducia così importante, ora siamo pronti a rimboccarci le maniche e lavorare tanto per loro, perché ci sono tantissime cose da fare e noi siamo appena nati, ma l’amore che ci lega ai bambini di Zanzibar ci darà la forza necessaria!

cosa mancava

Prima che arrivassimo, a settembre 2018, le maestre non percepivano lo stipendio da 2 anni e i bimbi erano senza le necessarie e basilari cure mediche e alimentari (moltissimi hanno problemi di funghi, bronchiti ed otiti croniche, ad 8 bambini è stato riscontrato il tifo), quindi senza visita medica e senza merenda (per quasi tutti è uno dei due pasti quotidiani). Per non parlare della struttura: abbiamo dovuto fare urgenti interventi di ristrutturazione, sia all’interno sia nel cortile.

Tra le cose più gravi la grondaia, che serve a raccogliere l’acqua piovana per la cisterna: era piena di buchi, quindi inutilizzabile da mesi, l’igiene basilare scarseggiava con il rischio di infezioni ed epidemie; da alcune fessure sono entrati topi che hanno devastato le aule ed un intero bidone di matite, abbiamo quindi dovuto tappare i buchi nel muro col cemento e sistemare il controsoffitto, da cui riuscivano ad entrare. Il cortile era ricoperto di massi di corallo che sporgevano dal terreno, molto taglienti, che ferivano i bambini durante l’intervallo: anche qui abbiamo fatto un primo intervento eliminando i più grossi e pericolosi, ora resta da coprire il resto del cortile con terra per pianeggiarlo e renderlo sicuro al 100%.

COSA ABBIAMO REALIZZATO

Alla nostra prima visita ufficiale come Associazione fatta a settembre 2018, abbiamo deciso di pagare gli stipendi di tutte le 10 maestre (70.000 scellini a testa, circa 28€): era da 9 mesi che non lo percepivano e tutte hanno 2/3 figli a testa da mantenere. Nella stessa settimana abbiamo comprato anche il cibo per un mese (circa 150Kg) per il pasto quotidiano, il porridge (mix di farine, zucchero e spezie, molto nutriente.

Una volta alla settimana abbiamo istituito il “Banana Day”, al posto del porridge banane o frutta fresca + biscotti per tutti i bimbi (per il cibo spendiamo 900.000 scellini al mese, circa 360€). Il giorno 30 settembre 2018 abbiamo effettuato la visita medica a 62 bambini, facendo arrivare il medico locale dal piccolo dispensario di Kidoti. Da quel giorno tutto questo succede periodicamente con la nostra supervisione! Abbiamo anche realizzato un piccolo parco giochi in cortile, grazie ad alcune donazioni raccolte tramite campagne di fundraising su Facebook, che abbiamo inaugurato il 26 febbraio 2019 con bimbi e famiglie del villaggio!

A luglio 2019 abbiamo costruito due bagni per gli alunni (maschi e femmine) all’interno del cortile e ad agosto invece abbiamo iniziato la costruzione della cucina, che servirà a cucinare all’asciutto e al riparo il pasto quotidiano dei bambini.

la nostra mission

La nostra Associazione si è promessa di aiutare anche altre realtà, (non solo i bambini di Zanzibar), in Italia e nel resto del mondo: non ci precludiamo, dove i nostri soci vedranno e potranno personalmente garantire il corretto svolgimento degli aiuti, di “volare” dove ci sarà più bisogno di una mano!

Ecco, noi siamo qui, pubblicheremo sempre tutti i nostri progetti e i nostri traguardi, che speriamo siano tantissimi! Seguiteci e, se volete e potete, aiutateci a raggiungere i nostri obiettivi! Non serve per forza una donazione in denaro, anche solo condividere sui social i nostri post e le nostre foto servirà a farci crescere e ad avere visibilità… Poi ci sono altri mille modi: scriveteci se siete interessati ad aiutare questi splendidi bimbi riccioluti e sempre sorridenti!

Vi aspettiamo nel “nostro” asilo quando volete, le nostre porte sono sempre aperte, Zanzibar oltretutto è un’isola meravigliosa da visitare e con un mare da favola per rilassarsi!

KARIBUNI! (benvenuti!)

i nostri numeri

0
Milioni di scellini spesi
Per la realizzazione dei lavori all'asilo
0
Soci iscritti
Provenienti da tutta Italia
0
Bambini scolarizzati
Accompagnati all'asilo
0
Maestre assunte
Presenti all'asilo di Kidoti

I SOCI FONDATORI

Patrizia Di Flumeri
Co-founder / Presidente
asili a zanzibar
Matteo Mandirola
Co-founder / Vice Presidente
Sofia Maggioli
Co-founder / Tesoriere
Salomè San Martin
Co-founder
Patrizia Falasca
Co-founder
Fikiri Noti
Responsabile locale

I NOSTRI PARTNER

0